Come John Cage, il grande maître dell’avanguardia di un’epoca, che, nei suoi contestati concerti di pianoforte, voleva la finestra aperta “perché si sentisse il rumore dei camion”, Massimo Fini annota aspetti, pensieri, fatti e persone (una piccola parte di ciò che gli è accaduto, aprendo porte e finestre della sua densissima vita) in modo che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Le banconote non sono (più) il male assoluto per via Nazionale

prev
Articolo Successivo

I venditori di Porta Portese

next