L’hanno chiamata Paper castle, castello di carta, non soltanto per il ritrovamento di un’enorme quantità di documenti falsi, ma anche perché al centro dell’indagine portata avanti lo scorso febbraio dalla Guardia di finanza e dal nucleo europeo anti-frode (Olaf) c’è un vero castello nell’entroterra di Genova. Il bottino, da oltre un milione e 400 mila […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Governo, Mattarella e l’omicidio della seconda Repubblica. I tre mesi del giallo di governo Di Maio-Salvini

prev
Articolo Successivo

Formazione professionale: i soldi finiti in auto e gioielli

next