“Ci siamo lasciati prendere dalla collera, dalla rabbia, a Paolo ho detto una cosa: io non voglio nulla, l’unica cosa la casa al mare. Dell’attico, della casa di Palermo, delle quote societarie io non voglio nulla. Spero che lui non abbia ricordi diversi rispetto a quello che gli ho detto io”. Questo lo sfogo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

A spese dell’Europa: le mille e una frode

prev
Articolo Successivo

Lavori fantasma, l’appalto per la Costa d’Avorio

next