Atre settimane dalle elezioni anticipate, il primo ministro turco Binali Yildirim si schiera con veemenza contro Uber per assicurare al partito della Giustizia e Sviluppo (Akp) alla guida dell’esecutivo, il voto dei taxisti. “Questa cosa che è emersa, chiamata Uber, o Muber, o in qualsiasi altro modo ora è finita”, ha detto Yildirim pubblicamente, aggiungendo: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Infermiera uccisa Hamas rivendica un’altra “martire”

prev
Articolo Successivo

Sánchez-Torra, il giuramento dei gemelli diversi

next