» Politica
martedì 29/05/2018

L’intervento di Grillo: “Stiamo calmi, è solo la politica. Confronto tra interessi diversi con mezzi diversi dalla violenza”

“L’establishment ci ha fermati? Lo vedremo, ma almeno si deciderà sul cuore della contesa: se vivere inginocchiati alla finanza. C’è chi vorrebbe continuare a consegnarci alla speculazione e chi no, neppure importano le ragioni oscure e recondite che portano i primi a comportarsi così"
L’intervento di Grillo: “Stiamo calmi, è solo la politica. Confronto tra interessi diversi con mezzi diversi dalla violenza”

Sento definire quello che è successo come drammatico, incredibile e un gravissimo scontro istituzionale, in un crescendo di allarmati e allarmanti squittii. Eravamo talmente abituati all’idea che “politica” significasse correre dietro a personaggi scandalosamente impresentabili da confondere la cronaca rosa shocking delle loro demenziali imprese. Ci siamo fatti confondere per venti anni dalle dispute fra lo Psiconano e De Benedetti, dalle imprese di Formigoni e dalle pirloette degli eredi del Pci sino a dimenticarci che cosa fosse la politica.

Mentre il paese era distratto dalla definizione della nuova unità di misura della degenerazione istituzionale era in corso la cessione della sua sovranità e della sua stessa aria a chiunque fosse in grado di comprarsela al ribasso. Oggi, finalmente giunti ai primi veri scontri fra modi diversi di intendere la cosa pubblica, sento che questo viene chiamato caos. Accidenti, era così radicata l’idea che parlare di politica significasse solo inseguire nipoti (da Letta a Ruby) e orchestrare dibattiti sul nulla che assistiamo al disorientamento assoluto di fronte alla ripresa del confronto politico, anche duro.

L’establishment è riuscito a bloccarci? Ok, fa parte del gioco! Non siamo certo affetti dalla sindrome dell’adolescente ribelle che spera che, alla fine, il padre gli dia ragione.

Mattarella ha intortato le cose oppure ha fatto lo sgambetto alla democrazia? Lo vedremo, ma quello che invece è sicuro riguarda il cuore della contesa: c’è chi vuole vivere inginocchiato alle ragioni della finanza e dei suoi azzardi e chi non lo vuole. C’è chi vorrebbe continuare a consegnarci alla speculazione e chi no, neppure importano le ragioni oscure e recondite che portano i primi a comportarsi così. Non serve capirne la storia (che probabilmente non hanno) oppure denunciarne le intenzioni. È inutile perché le loro posizioni sono scoperte finalmente mentre le nostre lo sono sempre state.

Quello che ne seguirà si chiama semplicemente politica: il confronto fra interessi diversi combattuto con mezzi diversi dalla violenza, dopo avere denudato la casta questo era il nostro obiettivo più importante: un paese che tornasse a porsi i temi che contano per il suo futuro. Certo, sarebbe stato meglio non perdere altro tempo a cottarellarci al sole filtrato da un’aria così difficile da respirare, ma il confronto proseguirà: questa è la politica, bellezze! In alto i cuori.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
“I mercati sopra i cittadini”

Potere al Popolo: “Quel no a Savona è inaccettabile”

Anche la listadi sinistra Potere al Popolo si schiera contro la scelta del Quirinale: “Mattarella si è reso responsabile di una grave crisi istituzionale pur di non accettare come ministro dell’Economia Paolo Savona considerato ‘euroscettico’ e dunque non compatibile coi diktat dell’Ue. Mattarella ha ammesso di non aver accettato Savona perché sgradito ‘ai mercati’, temendo ‘un segnale di allarme o di fiducia per i mercati’. La volontà dei mercati ha prevalso su quella dei cittadini. Piegandosi ai diktat di Bce e Fmi – si legge in una nota – Mattarella dà l’incarico a Cottarelli, rappresentante dei poteri forti della finanza e noto ‘tagliatore di teste’ del Fmi, ex strapagato plenipotenziario per la spending review. Un governo tecnico che si dà la priorità, dichiara Cottarelli, ‘di far quadrare i conti’. Una replica del governo Monti, che per far quadrare i conti ha aumentato l’età pensionabile, precarizzato il lavoro, tagliato i servizi pubblici. Non ci interessa sapere se Salvini volesse davvero fare un governo, né il dibattito sull’impeachment: inaccettabile è la motivazione della scelta del Colle. Dire che si rifiuta la nomina di un ministro perché ha una visione della politica monetaria diversa da quella della Ue è inaccettabile”.

Politica

Luigi fa il movimentista: chiama la piazza e insiste sull’impeachment del presidente

Politica

“Con la Lega difenderemo l’Italia. E Di Maio è il leader”

Candidati e favoriti
Politica
Verso il voto

Candidati e favoriti

Rai, Foa blocca il nuovo contratto di Vespa
Politica
Viale Mazzini

Rai, Foa blocca il nuovo contratto di Vespa

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×