Un’istituzione “sorda” e “autoreferenziale”, afflitta da “ignavia”, che ha “coperto le lacune e conseguenti responsabilità della Vigilanza sulle banche” fino ad accettare “supinamente” le nuove regole sul bail-in. Poi la bomba: “Informai il governatore Ignazio Visco per iscritto di una grave violazione compiuta dal consiglio di Banca Etruria ed egli neanche mi rispose”. Sono solo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il piano di Di Maio: un “vice” di peso per tenere Savona

prev
Articolo Successivo

Concorso in usura, indagine sul prof. verso l’archiviazione

next