Nella trattativa che ha portato al Salvimaio, colpiva la presenza al tavolo di Rocco Casalino. C’erano Maroni, Siri, Giorgetti, Centinaio e Calderoli. C’erano Di Maio, Castelli e Spadafora. E poi c’era lui: Casalino, “quello del Grande Fratello”. Che governo sarà, si chiedono in molti, se uno dei “pensatori” ha militato a inizio carriera nella scuderia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le ambasce di un grillino di sinistra

prev
Articolo Successivo

“Falcone seguiva la pista di Gladio”: le indagini top secret di Borsellino

next