Roberto Magris è jazz che vive di confronto continuo, che azzerra confini aprendosi al mondo. Compositore e pianista (Trieste 1959) dotato di un “pianismo colto, raffinato e percussivo” è esecutore e interprete “totalmente privo di orpelli mentali, libero di esprimere una musica che richiama con originalità e linguaggio personale gli stilemi del pianismo moderno afroamericano” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tre anni dopo il “sapore eterno” di Pino Daniele

prev
Articolo Successivo

La svolta un po’ retrò degli Arctic Monkeys

next