Per la prima volta Marco Galli decide di inserire se stesso in un fumetto: sceglie di essere un tizio con i capelli rasati e la cresta nell’episodio “La ronda” del suo volume Èpos appena pubblicato da Eris edizioni. In una pagina si vede il tizio a terra, bloccato, immobile, con il suo compare che gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Storia di Sofia, professione spadaccina (di Leonardo)

prev
Articolo Successivo

Aldo Moro, la Rai ha avuto due idee buone (e originali)

next