Aleggere la contabilità intercettata sembra di stare in un ufficio cambi. “Io vendo a 10, 2.000 euro fanno 20.000 (…). Io per 3.000 corone consegno 150.000 lire siriane (…). Ci hanno chiesto 100.000 da Budapest e 100.000 da te (…). Lui vuole 5.000 dollari, 5.000 per 8,6 uguale 43.000 corone”. Il denaro corre svelto. È […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Noi italiani a guardia dei confini, sfiorati dal conflitto siriano”

prev
Articolo Successivo

A Treviglio l’alcol è questione di “razza”

next