Due eretici e un outsider. A Siena tra un mese si vota. Ma la città, ancora tramortita dalla devastazione del Monte dei Paschi, è in balia pure delle incertezze politiche uscite dalle urne di marzo. Così i senesi si trovano a dover scegliere tra un esercito di nove aspiranti sindaci, nessuno espressione diretta di un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ci vorrebbe Freud, basta pure Recalcati

prev
Articolo Successivo

Pasticcio Nardella: più nomi che poltrone

next