I riderdi Foodora “non avevano l’obbligo di effettuare la prestazione lavorativa” e non erano “sottoposti al potere direttivo e organizzativo del datore di lavoro”: così il giudice Marco Buzano, del Tribunale di Torino ha motivato la sentenza con cui l’11 aprile ha respinto il ricorso di sei fattorini che chiedevano il riconoscimento della natura subordinata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese