Vecchie cascine che si trasformano in resort, pezzi storici abbattuti, parchi archeologici sempre meno tutelati. Con una proroga apparentemente innocua, grazie a un paio di articoletti infilati sottobanco, la Regione Lazio svende il suo territorio: il Piano paesistico non potrà più proteggere le aree vincolate, su cui sarà più semplice intervenire. Anzi, rischia di diventare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La Cattiveria 0705

prev
Articolo Successivo

L’offerta di Di Maio manda in pezzi il centrodestra

next