Si è fatto di lato. Anche per lasciare il cerino al leghista che non rompe con il Caimano, Matteo Salvini. E per una sera ha spaccato il centrodestra. Perché la mossa di Luigi Di Maio, che in tv rinuncia a Palazzo Chigi e apre a un nome terzo come premier di un governo di M5S […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Due “cavalli di Troia” e la Regione Lazio svende il territorio

prev
Articolo Successivo

Si votava dopo 9 anni: urne snobbate e l’appello dei politici non aiuta l’affluenza

next