L’opzione favoritaper Mattarella, archiviato un accordo politico netto, è quella di avere un governo col maggiore sostegno possibile che faccia la legge di Bilancio in autunno e porti l’Italia al voto nel 2019. Difficile. Il governo sfiduciatoè un’ipotesi hard: si manda un esecutivo guidato da una personalità scelta dal Quirinale alle Camere senza speranze che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Niente taglio al deficit nel 2018: così l’Italia rischia la manovra correttiva da 5 miliardi

prev
Articolo Successivo

Un crac tira l’altro: nuova indagine per mamma Renzi

next