E ora addio Campobasso, addio Isernia e Casacalenda e addio pure all’Ohio italiano. Da ieri il piccolo Molise torna nell’oblio da cui era venuto soprattutto perché non ha dato – e per il semplice motivo che non poteva – una risposta alla domanda: quale governo nazionale? Quello regionale, di governo, è andato alla vasta coalizione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Imane Fadil: “Le notti di Bunga Bunga a casa di Berlusconi. Ad Arcore una setta di Satana con tuniche e riti”

prev
Articolo Successivo

fatto a mano di Nat

next