In esergo, il compianto Giorgio Manganelli: “Tutto documentato, tutto arbitrario”. E le condizioni d’uso: “Il riferimento a persone effettivamente esistenti e a fatti realmente accaduti è finalizzato a una loro rielaborazione e reinterpretazione in chiave strettamente artistica in quanto tale del tutto priva di intenti cronachistici”, dunque, siamo di fronte a “una creazione narrativa che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Imane Fadil: “Le notti di Bunga Bunga a casa di Berlusconi. Ad Arcore una setta di Satana con tuniche e riti”

next