Sono finite in mare le sostanze tossiche e cancerogene utilizzate per il trattamento di decommissioning (la completa demolizione) delle 64 barre di uranio provenienti da Elk River (Stati Uniti) e stoccate a Rotondella, in provincia di Matera. Questo pericolosissimo materiale utilizzato per eliminare le scorie nucleari, quindi, attraverso una condotta è finito nella falda acquifera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Folla per De Magistris: “È usura di Stato”. Pd al contro-corteo ma fugge, c’è CasaPound

prev
Articolo Successivo

Mussolini, che fifa il raffreddore: ma da “eroe” odiava gli ombrelli

next