Todo cambia alle sei de la tarde. La zampata del Pregiudicato è mortale. Disperata ma letale. Matteo Salvini appare come un prigioniero politico costretto a leggere un comunicato unitario, centellinato parola per parola, in cui risalta un governo “guidato da una personalità indicata dalla Lega”. Non il leader del Carroccio, ma una “personalità”. Dettaglio non di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Mannelli

prev
Articolo Successivo

Paura governissimo: Di Maio fa l’ultimo appello alla Lega

next