La vittoria è un trofeo da celebrare, ma anche un paradosso. E dentro ha già un pezzo di futuro. Quello dei 5Stelle del capo politico Luigi Di Maio, che apre la legislatura issando sulla poltrona di terza carica dello Stato il suo primo e ormai ultimo rivale, l’ortodosso Roberto Fico. L’uomo dei tanti no, che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

C’era una volta l’orda padana in kilt: l’esercito lumbard ora viene da destra

prev
Articolo Successivo

Grillini tra silenzi, imbarazzi e orgoglio: “Si scrive Casellati, si legge Roberto”

next