L’opposizione slovacca non si fida, teme l’ennesimo inciucio tra i populisti e le estreme destre, nonostante il presidente slovacco Andrej Kiska abbia accettato ieri mattina le dimissioni presentate dal premier Robert Fico, sostituito dal suo vice Peter Pellegrini, 42 anni, un uomo politico ritenuto competente, membro dello Smer-Sd, i populisti di sinistra guidati da Fico. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Aldo Moro, il caso – La profezia sulle Br e il leader Dc: “Il Presidente deve morire”

prev
Articolo Successivo

Astensione: la maledizione di Navalny sullo zar

next