Certo che ci vuole un bel coraggio, ad andare a “lezione d’Europa” da Viktor Orbán, il leader più anti-Ue dei 28, ché, al suo confronto, Theresa May è una suffragetta dell’integrazione. Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni cercano interlocutori europei che parlino il loro stesso linguaggio nazionalista con venature di xenofobia e un’insistenza sui valori cristiani […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ambulanza, medici e sorveglianza h24: Sos a Palazzo Chigi

prev
Articolo Successivo

Tav, pur di farlo il governo si arrampica sugli specchi

next