Mentre il premier Benjamin Netanyahu mostrava ai partecipanti alla Conferenza sulla Sicurezza a Monaco di Baviera un pezzo di drone iraniano abbattuto sulle colline del Golan, diversi alti funzionari del suo governo – la legge per ora non permette la pubblicazione dei nomi – venivano presi in custodia a Gerusalemme dagli investigatori di Lahav 433, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Super sconto per potenziare i fucili, alla faccia delle stragi

prev
Articolo Successivo

Il partigiano Bisagno, Gesù con il fucile a tracolla

next