Il bombardamento a tappeto di accuse su abusi sessuali scatenato dal caso Harvey Weinstein – e le connivenze che li hanno permessi – determina un suicidio: ed è di una donna. Jill Messick aveva 50 anni e in passato una carriera come dirigente nella compagnia cinematografica Miramax; (1997-2003); era stata anche in contatto con l’attrice […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pizzo al boss, la produzione Gomorra sapeva

prev
Articolo Successivo

Francia, l’idolo di The Voice stona sull’Isis

next