“Riteniamo che questa usanza non sia in sintonia con i valori del marchio e sia chiaramente in contrasto con le norme della società moderna”. Con queste parole Sean Bratches, managing director delle operazioni commerciali in Formula 1, ha annunciato la più inaspettata delle rivoluzioni in vista della nuova stagione, al via il 25 marzo da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Potere al “trap”: da Milano a Roma, è la musica del 2018

prev
Articolo Successivo

L’ingenua fiducia nello spin del dichiaratore “giobactista”

next