Il futuro di Telecom Italia è sospeso al risultato elettorale del 4 marzo. Un bel paradosso per un’azienda che vent’anni fa fu privatizzata per fare cassa in vista dell’ingresso nell’euro, ma anche per sottrarla ai condizionamenti della politica. L’azionista di controllo, la francese Vivendi di Vincent Bolloré, è impegnata da un paio d’anni in una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Coperture a Cinque Stelle. Quanti soldi ci sono davvero

prev
Articolo Successivo

Col ritorno del Cavaliere risorge l’impero: meno sprechi sul calcio e più vecchia tv

next