Era una dottoranda all’Università dell’Illinois quando, sfogliando il New York Times a colazione, s’imbatté in un’inchiesta. A un passo da lì, nell’Iowa, esistevano lavoratori che monitoravano i contenuti degli utenti destinati ai social media, prendendo decisioni in merito. Sarah T. Roberts, ora, otto anni dopo, è docente del Dipartimento di Information Studies dell’Università della California […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Professione spazzino del web (in trincea)

prev
Articolo Successivo

Fine della dolce vita “nera”: la Corte Papale si è estinta

next