In Cambogia si sta meglio con un partito solo: è quello che ha deciso la Corte Suprema. Il partito nazionale di salvataggio della Cambogia, Cnrp, principale forza di opposizione del Paese, è stato sciolto dopo la richiesta, accolta dalla Corte, presentata dal ministro dell’Interno: l’accusa è di aver complottato per rovesciare il governo del primo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mugabe finge di essere ancora in carica. Il partito: “Ha tempo sino a domani”

prev
Articolo Successivo

Suning, il mega affare del campus che piace a Sala

next