Metti all’asta l’unico quadro di Leonardo Da Vinci in mano ai privati e lo pagherai (quasi) quanto Neymar. In entrambi i casi, la compravendita del dipinto e del calciatore, sono frutto di una stessa logica di mercato. Sia Leonardo sia Neymar producono reddito. Tutti e due un bene che può essere monetizzato. Leonardo mobilita da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’indifendibile Difesa unica europea

prev
Articolo Successivo

Hariri, pedina del risiko sciita-sunnita

next