In “segno di amicizia”, la Francia, d’accordo il Vaticano, ha inviato Il premier libanese dimissionario sunnita Saad Hariri e tutta la famiglia – da più di una settimana di fatto ostaggi dei sauditi a Riyad – ad andare a Parigi “per qualche giorno”. Ma la data d’arrivo nella sua terza patria (avendo passaporto francese oltre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Da Vinci contro Neymar talenti unici a peso d’oro

prev
Articolo Successivo

Milano, mala e nostalgia. Da via Osoppo alle ’ndrine

next