I contratti a chiamata nei primi otto mesi del 2017 hanno registrato un aumento del 129,5% rispetto allo stesso periodo del 2016. Lo rileva l’Inps nel suo Osservatorio sul precariato spiegando che l’aumento da 121.000 contratti del 2016 a 278.000 nel 2017 è spiegato con la necessità per le imprese di ricorrere a strumenti contrattuali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cisl, scontro e commissariamento. Così è stata riconfermata la Furlan

prev
Articolo Successivo

Il vino è realizzato con soldi e chimica? Finalmente qualcuno si sta ribellando

next