Dopo la chiusura dello spazio aereo e delle frontiere del Kurdistan iracheno imposto da Baghdad, è apparso del tutto evidente il paradosso di questa regione. Nonostante la ricchezza di questa terra zeppa di petrolio e gas, dove si arriva a pagare 300 mila dollari per un numero telefonico vip e, ancora di più, per una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Catalogna anno zero: Madrid è irremovibile”

prev
Articolo Successivo

Il “desaparecido di Macrì” ucciso nelle terre dei Benetton

next