La memoria, scrisse Primo Levi, “è come il mare: può restituire brandelli di rottame a distanza di anni”. Passavo dalle parti di via Messina, oggi inglobata nella Chinatown meneghina, e mi è tornato in mente il giorno in cui, davanti a casa, sul muro che limitava una volta gli spazi di una grossa ditta di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Non aprite quella porta: c’è Biscardi!

prev
Articolo Successivo

Perdonaci papà Coen, per il fascismo che ritorna

next