Nel 2012 l’allora capo del Pentagono Leon Panetta, rivelò durante la conferenza annuale sulla sicurezza a Singapore con gli alleati regionali che il ministero della Difesa avrebbe trasferito il 60% delle forze aeronavali statunitensi sul Pacifico entro il 2020. Nello spiegare la nuova strategia geopolitica, Panetta sottolineò che questo trasferimento non mirava però a contenere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Minacce e carte bollate per fermare la Catalogna

prev
Articolo Successivo

Assad e i fantasmi di Aleppo, tristi trofei della vittoria

next