È morto ieri, all’età di 96 anni, Ciro Cirillo, esponente di punta della Democrazia cristiana napoletana e alter ego politico di Antonio Gava in Campania, al centro di una delle vicende più torbide e misteriose della Prima Repubblica. Il 27 aprile del 1981, quando ricopriva l’incarico di assessore regionale ai Lavori Pubblici, venne sequestrato da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Genova G8, chi ha paura di Gabrielli?

prev
Articolo Successivo

Mafie: Roma cerca le prove, al Nord regna la ’ndrangheta

next