Euro sì o euro no? Euro sì.Una proposta di sinistra sull’Europa? È indispensabile attuare subito la cosiddetta golden rule, cioè non considerare per il calcolo del deficit tutte le spese in investimenti. Può rappresentare il primo passo per una modifica sostanziale del Fiscal compact. La sinistra è nata per battersi contro le diseguaglianze e in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Marine Le Pen fa dietrofront: la moneta unica non è più il nemico della Repubblica

prev
Articolo Successivo

Salario minimo legale, democrazia energetica e Imu per i più abbienti

next