L’estensione di 48 ore dell’ultimatum dato dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati al Qatar, dopo avergli recapitato una lista di 13 richieste da soddisfare in cambio della fine dell’embargo diplomatico-commerciale, è finita senza alcuna schiarita. Anzi, dal Cairo, capitale di uno dei quattro paesi che hanno dato il via all’isolamento di Doha, il ministro degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Mister No” Trump alla grande prova della diplomazia

prev
Articolo Successivo

Marine Le Pen fa dietrofront: la moneta unica non è più il nemico della Repubblica

next