Apparentemente due eventi che non sono collegabili. Il primo, clamoroso, è sconvolgente. Giovedì 29 giugno il cardinale George Pell, Prefetto dell’Economia della Santa Sede, è costretto a chiedere al Papa un congedo – subito ottenuto – per difendersi dalle accuse di abusi sessuali in Australia. Un congedo che sa tanto di addio. Infatti Bergoglio si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Helmut Kohl, la cerimonia solenne targata Ue che non è piaciuta ai figli

prev
Articolo Successivo

Il Csm lascia senza vertice il Tribunale delle acque

next