Fu nel luglio del 2016 che la polizia australiana aprì un nuovo fascicolo sul cardinale George Pell per abusi su minori. La delicatezza dell’inchiesta e le implicazioni diplomatiche imposero prudenza e tatto: i detective della speciale Task force Sano istituita dalla Royal Commission into Institutional Responses to Child Sexual Abuse, la commissione governativa creata nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il “caso Fazio” e lo scandalo della tv pubblica

prev
Articolo Successivo

L’ok ai matrimoni gay e le acrobazie politiche di Angela

next