Sottovalutazioni, mancanza di metodo investigativo, coordinamenti ancora macchinosi a livello internazionale, la vicenda di Youssef Zaghba non ha solo un risvolto giudiziario per comprendere come l’italo-marocchino nato a Fez nel 1995 abbia intrapreso il suo percorso di radicalizzazione fino ad arrivare a compiere la strage del 3 giugno sul London Bridge. Oggi la storia del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lancio multiplo di missili anti-nave il nuovo show bellico nordcoreano

prev
Articolo Successivo

Ruoli precisi per Comune e privati. Le nuove regole per gli eventi estivi

next