Una Milano cinica e un po’ menefreghista più che calvinista (seppur serafica, complice l’atmosfera agostana) come scenario de Le coincidenze dell’estate. Un adolescente appassionato, ma non troppo dotato, di skateboard al punto da volersene costruire uno in proprio con l’aiuto dei tutorial di un guru americano del settore, come protagonista. Due genitori in carriera, separati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La morte dell’arte italiana da Berlusconi a Renzi

prev
Articolo Successivo

Trump e Putin, incontro ad Amburgo il 7 e 8 luglio

next