Gioca con i fanti, ma lascia stare i santi. Almeno una volta si diceva così, quando sul calendario primeggiavano loro. Che, al massimo, hanno sempre dovuto condividere solo con martiri o beati quella riga a disposizione sotto numero e giorno del mese. Ma ora la lunga sfilza di santi e feste comandate è sempre più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Anna Ammirati, la ‘Monella’ di Tinto Brass si racconta. “Adesso pedalo da sola e porto ‘Napsound’ sui palchi di tutta Italia”

prev
Articolo Successivo

1993: Tangentopoli, Berlusconi e Craxi nell’anno del Terrore

next