“L’unica soluzione possibile in Siria è una soluzione politica”. Il viceministro degli Esteri, Enzo Amendola, ribadisce la posizione italiana, proprio mentre l’Onu si interroga su come reagire agli attacchi chimici. “Ma questo non significa impunità per i crimini contro l’umanità. Vuol dire solo che per uscire dal conflitto, non c’è soluzione militare”. La stessa cosa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Strage con il gas: Trump chiama il 7° Cavalleggeri

prev
Articolo Successivo

La morte come propaganda 150 anni di terrore russo

next