Sarà perché a ogni evento terroristico i giornali e telegiornali partono da Adamo ed Eva cercando un collegamento qualsiasi tra gli episodi vicini e remoti; sarà perché gli esperti si affannano a spiegare il “come” e sono sempre reticenti sul “chi” e il “perché”; sarà perché ormai abbiamo capito che il terrorismo è un affare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Auto sulla folla, ma niente vittime: il guidatore tunisino era ubriaco

prev
Articolo Successivo

Cortei a Roma, in centro. Il pericolo è l’imbuto

next