Continua l’avanzata delle truppe irachene nella roccaforte dell’Isis, che perde terreno. A pagarne il prezzo sono i civili: secondo Msf molti sono bloccati dal fuoco incrociato e hanno un accesso limitato alle cure mediche salvavita

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Bombe e canzoni: guerra totale Kiev-Mosca

prev
Articolo Successivo

Compagni prendete la penna. Racconti operai del 1963

next