Trent’anni fa, all’epoca del primo Bagaglino e delle lunghissime gambe di Pamela Prati in libera uscita sul palco del Salone Margherita, Piero Chiambretti metteva a dura prova i garretti a molte migliaia di chilometri: “Una volta persino dalla Transilvania, con i minatori rumeni che si opponevano a Ceausescu”. Chiambretti ricorda che erano tempi di dittature […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Trappist-1: Le “sette sorelle” della Terra

prev
Articolo Successivo

Lagioia realista: “Ce la stiamo facendo”

next