Più che un No, sarebbe più giusto un “Ni”. Alti e bassi, grandi soluzioni urbane, ad altre meno convincenti; picchi di piacere alla guida a momenti di smarrimento; continua evoluzione in quanto alla possibilità di utilizzo e piccole-grandi ingenuità. Tutto questo è la Smart di terza generazione. Lei è ancora le più piccola tra le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Da Torino a Roma: per le città fare gli stadi può valere una fortuna

prev
Articolo Successivo

Le “Note segrete” dietro a tutte le star della nostra musica

next