Come ogni febbraio da qualche anno a questa parte è ripartito il tormentone Grecia. Dicono i creditori: vi prestiamo altri soldi ma servono nuove riforme. I greci ribattono: abbiamo già tagliato pensioni, stipendi, sanità, scuola; abbiamo liberalizzato e privatizzato tutto; licenziato, spinto a emigrare… E i creditori: vero, tutte riforme dolorose ma necessarie, solo che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Melodie orientali sulla tastiera in bianco e nero di un graphic novel tra due mondi

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next