Le lettere

“El Gordo” e “Arp”, bracconieri di storie

La corrispondenza tra Giovanni Arpino e Osvaldo Soriano: dieci anni di amicizia all’insegna del numero sette

Di Massimo Novelli
13 Gennaio 2017

Il 10 dicembre 1987, sbarcato all’aeroporto di Roma dopo un volo di dodici ore da Buenos Aires, Osvaldo Soriano seppe che Giovanni Arpino detto “Arp”, classe 1927, era appena morto a Torino, all’ospedale delle Molinette. Glielo fece sapere lo scrittore e giornalista Bruno Arpaia. Soriano “era stanco, sfinito”, scrisse Arpaia su Repubblica. Quando “gli comunicai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui