Sì, ‘Yes we can’. E sì, ‘Yes we did’: molto, ma non tutto, non abbastanza. Per Barack Obama, primo presidente nero degli Stati Uniti, la scena della fine è quella dell’inizio: un palco in piazza nella sua Chicago. Ma il clima non è lo stesso: dove c’era la speranza, domina l’incertezza. E, così, il congedo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Trump alla fine ammette: dietro gli hacker c’è Mosca

prev
Articolo Successivo

“Litigi per i brutti voti”. A 16 anni uccide i genitori

next